Utilizzando questo sito web, si acconsente all'impiego di cookie in conformità all'informativa

"Privacy e cookie" By using this website, you are consenting to the use of cookies in accordance

with the "Privacy and cookies" statement                                            

Sito in costruzione

Under construction

 

Amazon
Amazon
Amazon
Bici  Biciclette Bambino , tbn:ANd9GcTzItVe.*
BaKibid &mobid Biciclette e minimoto bimbo
              C/O MONTECARLO LOOK S.R.L.
VIA G.PUCCINI,15
S.ZENO NAVIGLIO
25010 BRESCIA
​​​Tel: 030-266611  
​Fax: 030-2161285
 
 

 La primissima rappresentazione di un veicolo che assomigliasse alla odierna bici è da far risalire, come sempre in questi casi, a Leonardo Da Vinci. In un disegno del 1400 di Leonardo racchiuso nel Codice Atlantico si trova una "macchina" con due ruote, un’asse di legno, un manubrio e una catena che collega i pedali alla ruota posteriore. FOCUS JUNIOR

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bicicletta fornita di pedali e catena, disegnata da

Leonardo Da Vinci nel 1400.

                                                           (Codice Atlantico – foglio 133v.)

Leonardo, come al solito, ci aveva visto giusto e se avesse dedicato un po’ di tempo all’apprendimento dell’uso della sua bicicletta da parte dei bambini avrebbe certamente ideato Lui un erogatore d’equilibrio. Allora perché costringere i propri figli ad utilizzare la versione moderna di DRAISINA? Per poi dover, comunque, imparare a pedalare con la bicicletta munita di rotelle?

Di seguito due figure dell’epoca:   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non tutti sanno che questa versione, un po’ bizzarra della moderna bicicletta, fu ideata nel 1817, grazie al barone tedesco Karl von Drais, più per sostituire i cavalli che per altro. Infatti questi animali in quel periodo dell’ottocento morivano, per diverse ragioni, troppo frequentemente.

 

 

Salve! Un dubbio, anzi due: a) tutti i bambini imparano a andare in bicicletta, lo hanno sempre fatto senza particolari accorgimenti; b) è davvero fondamentale che imparino ad andare in moto? Che ce ne importa? Saluti!

 

BKbd    lunedì 10 marzo 2014 19:52:17

Salve! Ci scusiamo per il ritardo ma abbiamo avuto problemi con l'accesso. E' sempre bene avere dei dubbi in generale! Noi li avevamo, prima di iniziare questo progetto, proprio sui punti evidenziati. Ci sono risposte ovvie quali: abbiamo sempre anche guidato senza servosterzo le auto, senza aria condizionata, senza cinture, senza casco in moto e sugli sci, le minimoto non c'erano fino a poco tempo fa e senza il nostro sistema sono pericolose ecc.. E ci sono quelle supportate da osservazioni e studi. Brevemente ed in generale: uno recente studio inglese sull'apprendimento ha dimostrato che in età pediatrica questa attività dell'individuo non è solo un accumulo nozionistico, ma un vero e proprio strutturarsi del cervello, nelle sue componenti biochimiche, attorno alle esperienze fornite dal gioco e da tutte le altre attività umane. Quindi, visto che sempre più spesso da adulti, anche per motivi di traffico ed inquinamento, si inforca una moto o una bicicletta elettrica, come lo si fa con una semplice bicicletta, perché non imparare a gestire anche la velocità, non solo il movimento come avviene nell'uso della bicicletta normale, in età precoce? Naturalmente in assoluta sicurezza e divertimento con il nostro sistema: DESTABILIZZATORI STWheels sulle biciclette, ma sulle minimoto abbinati ad un erogatore di gas con limitatore. Per quanto riguarda le osservazioni sul tema rimandiamo all'articolo pubblicato nel luglio 2012 dalla Stampa.it riportato sul nostro sito.
Grazie per il commento che ci ha permesso di esporre il nostro pensiero.

 

 

GATTACCIO EDIZIONI mercoledì 05 marzo 2014 22:25:32